Friday, 6 December 2013

London Blues


Mentre noi donne restiamo immerse nella solita noiosa e inconcludente routine, l'uomo di casa (aka adorato consorte, aka amorevole papà) è impegnato nei suoi giri per il mondo, ufficialmente etichettati come "viaggi di lavoro". Ma in mezzo al lavoro, un po' di piacere, si sa, ci scappa sempre.
Dopo aver fatto per due settimane la spola Roma-Milano, è finalmente partito per Londra, suscitando un'indicibile invidia da parte della sottoscritta. I viaggi nel Regno Unito senza di me gli dovrebbero essere vietati: Londra è la nostra città del cuore (o perlomeno una delle nostre città del cuore). E' quella che ci ha visti muovere i primi passi da sposati, quella in cui siamo passati dallo stato di coppia a quello di famiglia, quello in cui abbiamo lavorato (e cambiato lavoro con una facilità che, da italiana, io ritenevo impossibile), in cui abbiamo maledetto il tempo variabile che influenza l'umore, l'etica protestante del lavoro che non ti fa pensare ad altro e la solitudine che deriva dall'essere lontani da tutti. E' quella in cui abbiamo goduto del senso di indipendenza e libertà che poche città come Londra sanno dare, dei musei gratuiti, delle librerie in cui ci puoi passare le giornate, delle passeggiate che riservano sempre sorprese, del Natale pienio di luci e ambiance, della gente di tutti i tipi, tutte le nazionalità, tutti i credi, i pensieri, gli orientamenti sessuali, che ti fa sentire come parte di un tutto, ti senti diversa ma ugualmente importante.
Così, cerco di scongiurare l'invidia girando per una Roma periferica, caciarona e un po' sguaiata ascoltando Mika nelle cuffiette e sentendomi un po' lì (perché Mika tra tutti i cantanti mi faccia sentire a Londra è lungo a spiegarsi e poco importante, ma è così).
E prima di partire ho chiesto al mio adorato consorte di portarmi in dono questo libro.


Messaggio palese più che subliminale.

3 comments:

  1. Sto "seguendo" su internet il suo peregrinare.... sarà sicuramente sfiancante ma che meraviglia poter girare tanto.... un pizzico di invidia ci può stare ??? ;D ;P

    ReplyDelete