Wednesday, 17 October 2012

Maidiremai

Ho sempre pensato che le mie figlie non sarebbero finite come tanti bambini che conosco, oberati di impegni e appuntamenti già dalla più tenera infanzia.
Ho sempre pensato che H., per la quale io e suo padre abbiamo scelto il tempo pieno per varie ragioni (e, in verità, non ce ne siamo mai pentiti), passasse già abbastanza tempo in un luogo chiuso (casa sua esclusa) impegnata in un'attività strutturata (in quel caso quella scolastica).
Ho sempre pensato che un'attività extra-scolastica fosse più che sufficiente, e visto che H. tendeva da piccola a cadere molto spesso e le poteva essere utile fare un'attività che la aiutasse ad avere una buona postura e un buon andamento, abbiamo scelto la ginnastica artistica (scelta che si è rivelata vincente, visto che H. negli anni si è appassionata a tal punto a questa disciplina da non volerla cambiare per nulla al mondo).
Ho sempre pensato che il tempo libero dell'infanzia è prezioso, e che i bambini hanno anche il diritto-dovere di annoiarsi, ogni tanto, e che debbano scegliere quello che fare o non fare giorno per giorno.
Ho sempre pensato che: dopo scuola, gioco libero a go-go!
Ho sempre pensato allo stress che sarebbe anche per me, dover accompagnare le bambine a destra e a manca tutti i santi giorni.
Ho sempre pensato che, no, le mie figlie non canteranno mai le strofe della canzone delle Tagliatelle di Nonna Pina* con cognizione di causa!!!!

Ma allora perchè... come mai... come è potuto succedere che da quest'anno si faccia:
ginnastica artistica (due volte a settimana)
pianoforte (una volta a settimana)
catechismo (una volta a settimana)
scout (due volte a settimana)
arte (una tantum)
inglese (quando la mamma è in vena)

E' evidente che la cosa mi è sfuggita di mano. Forse è meglio che vada a riascoltarmi le tagliatelle....



Invece oltre la scuola cento cose devo far:
inglese, pallavolo e perfino latin-dance.
E a fine settimana non ne posso proprio più (...)
La situazione è grave ed anche i miei amici
son tutti un po' stressati per il troppo lavorar.
Il tempo pieno a scuola non lo vogliamo fare,
vogliamo star con mamma e papà.
Ma intanto mi hanno iscritto anche a un corso di kung-fu
sfruttando l'ora buca fra chitarra e ciclo-cross.
È veramente troppo io non ce la faccio più (...)

4 comments:

  1. Evviva gli scout! In questi giorni (causa trasloco) ho dato via molte cose, tra cui la mia divisa da CapoScout! Esperienza fantastica! :)
    PS: quando visito il tuo blog mi dà un segnale di malware.
    PSS: trasloco... a Roma! -.-

    ReplyDelete
    Replies
    1. RE PS: Ho fatto un checkup e non mi risulta infetto... Mah!
      RE PSS: Ma dai!

      Delete
  2. anche noi siam messi più o meno così, tanto che abbiamo un unico vero giorno di riposo...ED E' OGGI !!! :)

    anche a me scatta il segnale dell'antivirus quando passo di qui...

    baci e buon fine settimana !!

    ReplyDelete
  3. No!! ma come fate? vi bastano i giorni per tutto?
    quest'anno lo volevo iscrivere in piscina, poi ho desistito: troppo pigra io! :)

    ReplyDelete